Giardini di La Palomera
Patio di Juana Matos

Lo spazio dove Juana Matos coltiva le sue colture era uno spazio che funzionava come discarica all'interno della comunità. A poco a poco, lei e la sua famiglia hanno pulito e riempito lo spazio con la terra. Sono passati quasi 30 anni da quando Juana ha creato il giardino davanti a casa sua, coltivando più di 40 piante medicinali, ornamentali e commestibili. Juana è arrivata a La Palomera da Valera, nello stato di Trujillo, quando aveva 20 anni. Ha sempre sofferto di problemi ai reni e questo l'ha portata a coltivare qualsiasi pianta per alleviare il suo disagio. Molte persone le chiedono consigli medici, perché lei ha fatto delle sue piante la soluzione per alleviare tutti i tipi di malanni. Per esempio, usa l'erba mora per fare un infuso freddo che può funzionare come sedativo, antinfiammatorio, antipiretico e purgante, anche se avverte che in grandi quantità è tossico. Un aspetto interessante di questo spazio è il suo uso multiplo. Non solo funziona come giardino medicinale o come capanno da giardino, ma anche come luogo di relax, incontro e ricreazione. Insieme ai suoi vicini e alla sua famiglia, Juana si gode l'ombra di un albero para-para mentre parla o cucina uno stufato. Inoltre, le piante hanno favorito il ritorno degli uccelli che fanno i nidi nel conuco. Juana stessa cura e nutre un nido di pappagalli para.

Juana nel suo cortile, fotografia di Gabriel Nass
Patio di Juana Matos, fotografia di Gabriel Nass
Patio di Juana Matos, fotografia di Gabriel Nass
Patio di Juana Matos, fotografia di Gabriel Nass
Patio di Juana Matos, fotografia di Gabriel Nass
Juana che mantiene le sue piante, foto di Gabriel Nass
Patio di Juana Matos, fotografia di Gabriel Nass
Patio di Juana Matos, fotografia di Gabriel Nass
Impianto disegnato dalla Fondazione Enlace
Assonometria disegnata dalla Fondazione Enlace